STOP ALLE ANTENNE: PRESTO PIU’ CONTROLLI ED UN NUOVO REGOLAMENTO

Pescara, 12 MAGGIO 2020 – Approvato lunedì scorso in Consiglio Comunale un Ordine del Giorno del Movimento 5 stelle che vuole risolvere l’annoso problema legato alla procedura di installazione delle antenne di telefonia mobile e rendere giustizia ai tanti cittadini che continuano a segnalare preoccupati l’istallazione di nuove antenne in ogni angolo della città. Un problema che finora non aveva trovato soluzione ma che ora potrà essere finalmente affrontato con decisione.

Siamo soddisfatti perché, grazie al Movimento 5 Stelle, ci sarà la sospensione temporanea a scopo precauzionale del rilascio di qualsiasi nuova autorizzazione relativa alle istallazioni di impianti SRB ed una campagna di controlli fatti dall’ARTA nelle zone a rischio superamento dei limiti di legge” – dichiara il consigliere del M5S Pescara Massimo Di Renzo – Segnaliamo da tempo il fatto che l’Amministrazione non riesce a far applicare il regolamento attualmente in vigore ed ora si potrà finalmente sanare questo problema.”.

Il Comune di Pescara ha da tempo pagato la società Polab per redigere il Piano Antenne ed un nuovo regolamento ma l’appuntamento con la Polab che ne sta redigendo una nuova versione viene continuamente rinviato. Questo è particolarmente grave soprattutto alla luce del fatto che dall’analisi delle bozze di questi documenti emerge che ci sarebbero alcune zone della città dove ci sarebbero dei superamenti dei limiti di legge rispetto all’esposizione ai campi elettromagnetici. 

Ci ha colto di sorpresa l’intervento dell’Assessore Del Trecco che invece di unirsi al coro di preoccupazione per la salute della cittadinanza ha veicolato il voto dei suoi verso l’astensione, cosa che è puntualmente avvenuta.” – aggiungono i consiglieri Erika Alessandrini, Paolo Sola e  Giampiero Lettere – “Un voto unanime sarebbe stato un segnale ancora più chiaro da parte del Consiglio Comunale e avrebbe dato maggior forza agli uffici che hanno il compito di far rispettare il regolamento”.

“Nel documento avevo anche indicato una sentenza del Tar che rigettava il ricorso di una società telefonica contro un diniego del Comune di Bologna ma evidentemente lì gli amministratori sono più coraggiosi di quelli di Pescara. – conclude il consigliere del M5S Pescara Di Renzo Massimo – I privati fanno giustamente i loro interessi, sta all’Amministrazione fare quelli dei cittadini. Con questo Ordine del giorno vogliamo non solo ripristinare le minime condizioni di sicurezza ma anche affermare il principio che sul territorio comunale nessuno può fare quello che vuole.”