Circolo tennis, Il M5S sollecita il bando gara

Il Circolo Tennis abbandonato a se stesso dall’amministrazione Masci

Pescara, 23 ottobre 2020 –Il M5S Pescara torna a richiamare l’attenzione sull’atteggiamento di totale disinteresse dell’amministrazione Masci nei confronti della struttura del circolo tennis di Via Marconi. Nonostante nel maggio scorso si fossero proposte ben 3 associazioni per un progetto di ristrutturazione e gestione fino ad oggi nulla è stato fatto e siamo ancora in attesa di un bando per il rinnovo della gestione prossima ormai alla scadenza (dicembre 2020, ndr).

A fare le spese di questa situazione di lassismo – dichiarano il consigliere M5S Pescara Giampiero Lettere – è la ASD Circolo Tennis, attuale gestore della struttura, che vive ormai da mesi in una situazione di totale precarietà. Nonostante il Comune abbia dimostrato più volte di non voler investire un euro nella manutenzione straordinaria di una struttura che ha evidentemente abbandonato a se stessa in attesa di una futura riassegnazione la ASD continua a lavorare con grande dedizione senza nemmeno poter fare una programmazione a medio termine delle proprie attività, già duramente compromesse dall’emergenza Covid.”.

Questo ha fatto sì che già da oltre un anno, dopo la forte grandinata del luglio 2019 – prosegue il consigliere M5S Paolo Sola – la ASD Circolo Tennis debba convivere con tendoni danneggiati, campi da gioco inagibili in caso di pioggia e impianti di riscaldamento fuori uso. Evidentemente l’amministrazione Masci, piuttosto che investire nella valorizzazione di un circolo che è arrivato all’ottavo posto tra le scuole Tennis nazionali, preferisce abbandonare la struttura a se stessa in attesa di trasferirne le incombenze a chi verrà dopo. Ammesso che si decidano a pubblicare il bando di gara promesso ormai da mesi”.

Nel 2009 il Comune di Pescara ha investito circa 800.000 euro in occasione dei Giochi per il Mediterraneo ed oggi, dopo poco più di 10 anni, ci ritroviamo con un impianto che sembra quasi da buttare perché da una parte c’è una società che senza garanzie non fa le manutenzioni previste e dall’altra c’è il comune che fa passare gli anni senza far nulla per evitare il degrado di una struttura che è un patrimonio della città.

Un disinteresse inaccettabile nei confronti di una struttura che, negli anni, ha reso la città protagonista nel mondo del tennis – concludono i consiglieri pentastellati – grazie al lavoro e alla passione di chi oggi chiede solo che il riconoscimento dei risultati raggiunti porti alla giusta attenzione, e alla pubblicazione del bando che restituirebbe alla struttura un’adeguata progettualità”.